Noto Doc

Estremo lembo della Sicilia sudorientale, con i borghi marinari di Portopalo di Capo Passero e Marzamemi e le cittadine di Pachino, Ispica, Rosolini, Noto. Quest’ultima, ricostruita dopo il terremoto del 1693, con architetture ricche di quei fregi tardo barocchi oggi tutelati dall’Unesco insieme quelli di Palazzolo Acreide e delle altre città del Distretto del Sud […]

mappa doc sicilia

Estremo lembo della Sicilia sudorientale, con i borghi marinari di Portopalo di Capo Passero e Marzamemi e le cittadine di Pachino, Ispica, Rosolini, Noto.

Quest’ultima, ricostruita dopo il terremoto del 1693, con architetture ricche di quei fregi tardo barocchi oggi tutelati dall’Unesco insieme quelli di Palazzolo Acreide e delle altre città del Distretto del Sud Est, conserva anche luoghi storico-naturalistici di grande fascino, come la riserva naturale di Cava Grande del Cassibile e quella di Vendicari, il borgo del Castelluccio ed i mosaici della Romana del Tellaro e un territorio che produce grandi vini.

Nel passato si producevano vini rossissimi ed alcolici (Nero Pachino) in grado di migliorare le caratteristiche organolettiche di moltissimi vini “anemici”, di zona vinicole del nord, molto blasonate.

Negli ultimi anni si è avuta la riqualificazione enologica del territorio, zona altamente vocata per vini da dessert come il Moscato di Noto e i grandi rossi a partire da “Nero d’Avola”, “Pignatello” e “Frappato”, da soli o congiuntamente che danno vita a vini di grande spessore ed imponenza.

noto

en

This extreme edge of southeastern Sicily is home to the seaside villages of Portopalo di Capo Passero and Marzamemi, and the towns of Pachino, Ispica, Rosolini, and Noto.

The latter was rebuilt after the earthquake of 1693 with architecture rich in late baroque friezes now declared a Unesco World Heritage site along with those in Palazzolo Acreide and other cities in the Southeastern District.

The area also preserves beautiful historic/naturalistic sites such as the natural preserve of Cava Grande in Cassibile and those in Vendicari, the village of Castelluccio, and the mosaics in Romana del Tellaro.

This territory also produces great wines.

In the past, deep red, high alcohol wines were produced (Nero Pachino) capable of improving the flavor characteristics of many “anemic” wines from famous winemaking areas in the north.
Over the past few years, the area has undergone a transformation in winemaking, and is highly suited to producing dessert wines, such as Moscato di Noto, and great reds from the Nero d’Avola, Pignatello and Frappato varieties, either alone or blended to create great, impressive wines.

COMUNI

NOTO, PACHINO, AVOLA, PALAZZOLO ACREIDE, ROSOLINI, ISPICA